XChannel parla di Antropologia e Marketing del Make up all’Università degli Studi di Milano-Bicocca.

XChannel srl

Speech, Università degli Studi di Milano-Bicocca

XChannel Ninja Marketing insieme per l’Unconvention18 a Livigno

XChannel srl

Team building, Ninja Marketing

XChannel parla di service design e start up a ReThink di PoliHub, organizzato da Service Innovation Academy – POLI.design del Politecnico di Milano.

XChannel srl

Speech, Politecnico di Milano

Press

here Rethink! Service Design Stories
enter site 19 aprile 2018
köpa provera h.10.00 — 20.00

enter Palazzo Pirell
binary options practice software Sala Pirelli
source link Via Fabio Filzi, 22 Milano

http://feveda.com.ve/mefistofel/2194 1 giornata. 7 sessioni. 700 iscritti. 3 conferenze di livello internazionale. 1 official partner, 4 friends e 3 partner tecnici. 12 agenzie e 10 aziende partecipanti. 2 incubatori e 4 start up. Un numero altissimo di visitatori con oltre 120 presenze per ciascuna sessione.

Sono questi i numeri che hanno decretato il successo della prima edizione di site rencontre estrie gratuit Rethink! Service Design Stories che lo scorso الخيارات الثنائية nedir التداول 19 aprile si è svolta presso http://www.shyamtelecom.com/?siterko=eq-options&bfc=29 Palazzo Pirelli a Milano.

Rethink! è la manifestazione che ha riunito designer, imprese e istituzioni in un palinsesto di iniziative, dibattiti e conferenze sul opzioni digitali quanto guadagnate service design. È il primo festival dei servizi esistente in Italia nato per costruire un confronto culturale tra gli attori dell’ecosistema del service design e dell’ site de rencontre marocain casablanca innovazione dei servizi.

Il progetto, promosso dalla Service Innovation Academy di POLI.design — Politecnico di Milano e Leftloftin collaborazione con Regione Lombardia, durante la Milano Design Week 2018 ha racchiuso in una giornata un programma ricco di dibattiti, prospettive e punti di vista, tavole rotonde e confronti tra progettisti e imprese che hanno chiamato in causa esperienze innovative e start up, il mondo accademico e della formazione, best practice e casi di studio nel campo dell’innovazione dei servizi attraverso prospettive sia tecnologiche che sociali. Abbiamo parlato di storie di cambiamento attraverso lo sguardo dei protagonisti, abbiamo provato a trovare le risposte a un mutamento di bisogni, relazioni, conoscenze, pratiche nel mondo dei servizi in molti settori.  Questo e molto altro è Rethink! Vi aspettiamo in autunno per la prossima edizione.

I protagonisti della prima edizione:

Starting Up
Federico Lessio, Head of Experience di Copernico
Claudia Pingue, Polihub
Federico Corradini, XChannel (Copernico)
Federico Della Bella, Wardroba (PoliHub)
Edoardo Grattirola, Sweetguest
Mariano Carrozzi, Tinaba

A moderare: Manuel FollisMF-Milano Finanza

 Proof Of Concept

Antonio Grillo, Digital Entity an NTT Data design studio
Antonella Castelli, Logotel
Giuseppe Attoma Pepe, Attoma
Alessandro Piana Bianco, Deloitte Digital
Federico Vidari, Antreem
Serena Ballabio, Twig

A moderare: Daniela Sangiorgi – Politecnico di Milano

 Main Conference

Evgenij Morozov – sociologo e giornalista, esperto di nuovi media
Con Francesco Cancellato – direttore de Linkiesta

Beyond The User?

Marcello Segato, Zehus e BitRide
Daniela Petrillo, Centro Medico Santagostino
Cristina Juliani, Capgemini Italia
Stefano Maffei, Politecnico di Milano
Fabrizio Zeba, Iren S.p.A.
Roberta Gagliardi, Confartigianato Imprese Lombardia,
Andrea Leverano, DriveNow Italy

A moderare: Massimiliano Del Barba – Corriere Innovazione

Stories

Vincenzo Di Maria, Commonground
Matteo De Santi, Team per la Trasformazione Digitale – Presidenza del Consiglio dei Ministri
Stefano Anfossi, Paco Design Collaborative
Paolo Giordano e Alessandro Confalonieri, Doing
Andrea Arzenton –Digital Entity an NTT DATA design studio
Nicola Favini, Logotel
Roberta Bianco, Continuum
Federica Roscio, Fastweb
Amedeo Perrone, Fjord e Alberto Corti, Generali Italia S.p.A
Antonio De Pasquale, e Elena Marengoni, frog design e Chiara Parodi, Vodafone.

A moderare: Beatrice Villari, Politecnico di Milano

Main Conference

Andrea Saviane, BlaBlaCar
Ezio Manzini, designer
A moderare: Giuseppe Frangi, Vita

 

Si ringraziano:

Official Partner

Digital Entity an NTT DATA design studio

Friends

Commonground, Continuum, Doing, Logotel

In collaborazione con:

Regione Lombardia

 

Con il sostegno di:

Dipartimento di Design – Politecnico di MilanoADI | Associazione per il Disegno Industriale

XChannel discute con Ninja Marketing i segreti per vincere la sfida della crosscanalità.

XChannel srl

Implementare una strategia crosscanale, Ninja Marketing

Press

da Ninjamarketing.it

Implementare una strategia crosscanale: due esempi da cui prendere ispirazione.
Affrontare la sfida del marketing crosscanale è diventata ormai un’esigenza concreta anche per il mercato italiano: con XChannel abbiamo scoperto i segreti per vincerla.

Chi lavora nel marketing lo sa bene: implementare una strategia crosscanale significa sfruttare al massimo le opportunità offerte dai diversi canali digitali e fisici per generare flussi di clienti e vendite. Le strategie crosscanale permettono infatti ai consumatori sempre più connessi di completare un’esperienza di acquisto su qualsiasi mezzo che sia per loro più comodo: eCommerce, social media, email, mobile app e il negozio fisico, che ha un ruolo chiave diventando il punto di contatto finale delle attività drive-to-store.  

Una ricerca di Human Highway evidenzia che quasi il 60% degli acquisti tradizionali sono preceduti da una raccolta di informazioni online. Il 92% degli acquirenti porta con sé lo smartphone nei negozi e nel 6,1% dei casi il device ha un ruolo determinante nella decisione d’acquisto all’interno del negozio.

Avere una strategia crosscanale non significa però riprodurre un contenuto identico su più canali: l’obiettivo di una campagna efficace è raccontare la stessa storia in modo diverso a seconda del media utilizzato. Ogni canale infatti è utilizzato dai consumatori in modo differente e unico: scopri quale contenuto funziona bene e dove, e la tua attività di marketing conquisterà l’audience.

Avete bisogno di ispirazione? In questo articolo vogliamo presentarvi due case history provenienti dai settori del food e del fashion, mercati in cui al momento funziona bene l’approccio crosscanale tanto da poterne fare un’arma vincente.

Starbucks – Frappucino Happy Hour

Per rilanciare la sua Frappuccino Happy Hour, Starbucks ha creato negli anni delle attività crosscanale molto interessanti. Oltre alla sua strategia tradizionale, che prevede l’aggiornamento del sito internet, il lancio di uno spot televisivo e l’utilizzo di immagini simili e di grande appeal per tutti i canali di comunicazione, corredati però da un differente contenuto personalizzato a seconda del media utilizzato, ogni anno associa delle attività differenti per stimolare i suoi fan.

Qualche tempo fa, ad esempio, è stata data la possibilità agli utenti di inviare un SMS con il testo “WOOHOO” per ricevere in cambio delle notifiche con sorprese dedicate. A partire dal primo giorno di lancio della Frappuccino Happy Hour, Starbucks ha cominciato ad inviare delle informazioni sull’attività, come ad esempio i dettagli dell’iniziativa o dei messaggi per promuovere il programma fedeltà dell’azienda.

Un’altra azione è stata quella di creare, sui social network, un’identità differente per il Frappuccino, rispetto a quella istituzionale di Starbucks. Una azione che si è dimostrata vincente anche grazie alla non duplicazione dei contenuti tra le diverse identità: bravi!

Qualche mese fa, infine, gli utenti hanno avuto la possibilità di sbloccare delle lenti personalizzate su Snapchat visitando gli store di Starbucks durante la Frappuccino Happy Hour. Come? Semplicemente trovando lo Snapcode nel negozio e scannerizzandolo dall’app di Snapchat. Non solo: per stimolare il ritorno in negozio, le lenti cambiavano ogni due giorni.

Timberland – drive-to-store

Un altro esempio di attività crosscanale, è quella drive-to-store realizzata da Timberland per il mercato britannico. L’azienda ha attivato delle campagne di advertising online con l’obiettivo di portare nuovi potenziali clienti a visitare i negozi monomarca. Le pubblicità avevano come punti di forza il contenuto, altamente ispirazionale, che invitava gli utenti a cercare la loro nuova avventura urbana, e una targettizzazione estremamente profilata. Le campagne erano infatti orientate sì a un pubblico simile a quello già conosciuto da Timberland, ma anche profilate in tempo reale per prossimità fisica sia ai negozi del brand sia ai negozi di moda con stile simile o a punti di ritrovo strategici per praticare attività all’aria aperta.

Identificando un nuovo pubblico in target attraverso il digitale, l’azienda di abbigliamento urbano è riuscita ad aumentare le visite nei propri negozi del 6,2%, con il 20% di queste realizzate entro le 24 ore successive all’esposizione del contenuto pubblicitario. Un grande successo che dimostra come coinvolgere l’utente con un buon contenuto e soprattutto al momento giusto può davvero fare la differenza.

E in Italia?

Le strategie crosscanale non sono appannaggio solo del mercato estero. In Italia sono presidiate da diverse agenzie e società di consulenza, tra cui XChannel che è riuscita a costruire case study solide e replicabili grazie a un approccio strategico che integra attività quantitative e qualitative. Per rendere efficace una campagna crosscanale, infatti, è necessario sì tracciare i risultati e verificarne gli effetti commerciali attraverso i big data, ma anche integrare i numeri con insight qualitativi, ottenuti ad esempio attraverso la ricerca semiotica e netnografica.

Conosciamo tutti, ad esempio, le dinamiche ROPO (Research Online, Purchase Offline), che vedono il consumatore googlare un prodotto, informarsi attraverso le piattaforme digitali e poi concludere l’acquisto in un negozio fisico. In Italia questa attività è molto frequente: i 9/10 del traffico su internet partono da un motore di ricerca – e Google ne è l’imperatore. Per creare una strategia crosscanale vincente, quindi, XChannel ha strutturato campagne SEM transazionali mirate ad una risposta diretta da parte dell’utente finale (Search Dinamica, ReMarketing Dinamica e Gmail Ads) ottenendo risultati impattanti per il business dei clienti nei settori food, beauty e travel: fino al 36% di CTR e fino al 19% di Conversion Rate. L’impatto sulle vendite offline (misurato ad esempio attraverso il download di un coupon) ha superato nel periodo analizzato il +150% a sell-out.

Al contrario, per cavalcare la tendenza dello showrooming, ovvero il comportamento che vede l’utente scegliere un prodotto in negozio e acquistarlo online, XChannel ha integrato nelle strategie crosscanale per i suoi clienti Amazon e i suoi formati pubblicitari (Sponsored Products, Headline Search Ads, Product Display Ads). Come? Intercettando il traffico di ricerca che parte dai dispositivi mobili quando gli utenti sono fisicamente presenti in negozio: non è un segreto infatti che circa il 20% degli acquisti di prodotto siano influenzati da Amazon!

Possiamo dire quindi che il grande assortimento di canali di comunicazione si traduce in potenziali consumatori ovunque, e sappiamo bene che ogni brand ha bisogno di essere dove il suo target è.Poiché il numero di touchpoint continuerà a crescere in modo esponenziale, progettare una campagna di marketing crosscanale sarà quindi la vera chiave per continuare a contattare e governare consumatori e prospect.

 

XChannel BioNike presentano all’Università Luigi Bocconi il Case Study: Rock-Your-Make-Up!

XChannel srl

Case Study, Università Luigi Bocconi

Anche il Corriere della Sera ha parlato di XChannel. L’articolo completo è al link di Press.

XChannel srl

La nuvola del lavoro, Corriere della Sera

Press

da Corriere.it

La rete di Copernico

Avete mai sentito parlare di Copernico? Si definisce il posto “Where things happen” dove le cose succedono. Di fatto è un nuovo concetto di “luogo di lavoro” che sta conquistando soprattutto le imprese piccole e medie. Federico Isenburg, 39 anni,con i 70 “dipendenti italiani” di Easy Welfare, la sua azienda, occupa metà terzo piano di “Copernico Milano Centrale”, un edificio di 15.000 metri quadratidistribuiti tra uffici attrezzati, postazioni coworking, reception, biblioteca, sala riunioni, palestra, ristorante e molto altro, inaugurato nel 2015, l’anno dell’Expo.

Federico è lì sin dall’inizio: “Avevo cambiato due o tre uffici e il progetto che mi hanno presentato era esattamente quello che cercavo: uno spazio adatto per una realtà smart come la mia, un servizio veramente efficiente e un ambiente molto bello” spiega.
“Siamo solo in quattro e ho un ufficio cool e funzionale in una struttura costruita con criteri e facility all’avanguardia, palestra, galleria d’arte, spazio esterno con Jacuzzi” aggiunge Federico Corradini, suo coetaneo.

E’ il fondatore di Xchannel Consulting, una giovane società di consulenza specializzata in strategie di marketing e comunicazione crosscanale. Anche lui è un “copernichiano” della prima ora. Ha cominciato da solo nel coworking al piano terra, poi è passato all’ufficio e a gennaio si allargherà ancora. Sono due dei 4000 membri di Copernico, un mondo (nel gruppo lavorano in 120) che “fisicamente” è costituito da 12 edifici (divisi tra Milano, Roma, Torino, Bruxelles e Odessa) e sta crescendo: ha sedi in apertura in altre città e conta di arrivare a gestire una superficie di 100mila metri quadrati entro il prossimo anno, il doppio di quella attuale.

Ma guai a definirlo semplicemente uno spazio fisico: “Siamo una piattaforma di sviluppo e accelerazione del business, che genera crescita per le aziende e benessere per le persone” sottolinea Barbara Adami Lami, il direttore generale. Cosa significa in concreto? Di sicuro è un sistema che dà la possibilità di partecipare a eventi, scambiare idee, presentarsi ad altre aziende. E’ questo che piace soprattutto a Stefania Casciari, ceo di Pulse Advertising e Pulse Management, branch italiani di un’azienda di influencer marketing tedesca.

“E’ fondamentale per una realtà piccola come la mia” spiega. Ha solo 28 anni, e con la sua squadra (sono in 8) è un nuova acquisizione di “Copernico Isola”. Federico Corradini può sottoscrivere. Tra i clienti ha Pasta Rummo. “E’ due piani sopra di me. Ci siamo incontrati qui”.

Per XChannel  & Livigno 1° premio per le strategie di Marketing e Comunicazione #digitale di SDA Bocconi School of Management!

XChannel srl

Award, SDA Bocconi School of Management

Press

da Livigno.eu

LIVIGNO PREMIATA ALLA BOCCONI PER LE STRATEGIE SOCIAL | Livigno

Il progetto #ScuderiaFerrariOnIce, realizzato da XChannel in collaborazione con Livigno, si è aggiudicato ieri sera la prima edizione del ”Marketing&Sales Challenge”, che si è svolto presso la SDA Bocconi di Milano, per la categoria “Digital Transformation”, in virtù dell’innovatività, dell’eccellenza nell’esecuzione e per i risultati finora ottenuti.Fulcro del progetto, è stata l’idea di mettere una F1 Ferrari per la prima volta in assoluto sulla neve con gomme chiodate, sulle piste di Mottolino Fun Mountain e in centro paese. Un’operazione in linea con il posizionamento di Livigno, incentrato sui valori di sport/dinamismo, un evento che di per se stesso ha avuto l’attenzione dei media nazionali e internazionali, che è stato supportato in modo importante da un setting di piattaforme social, attivate in sole due settimane.Un percorso, quello dei social, che Livigno ha intrapreso da quattro anni con diverse scelte strategiche e che trova nel premio per il progetto #ScuderiaFerrariOnIce,un’importante conferma.La campagna dell’evento su Facebook, che si è svolto il 25 febbraio 2016, ha fatto salire Livigno al vertice assoluto delle top località montane al mondo e il post con il video ufficiale è stato il top video nel mercato mondiale relativo fino al primo marzo 2016.“Gli eventi e le attività di Livigno – spiega Luca Moretti, presidente di APT Livigno –hanno un importante diffusione sui nostri canali social, a cui teniamo in modo particolare. Il premio di oggi ne è una conferma e ci incoraggia a proseguire in questa direzione. Anche i numeri del Trofeo delle Contrade, evento che ha portato la neve vera il 26 agosto nel centro di Livigno per una sfida tra contradaioli arricchita dalla presenza di campioni come Dorothea Wierer e Federico Pellegrino, hanno confermato il trend positivo dei social”.

L’obiettivo condiviso con APT Livigno – aggiunge Federico Corradini, Founder di XChannel – è di diventare il ‘Top Alpine Resort’ al mondo, il punto di riferimento indiscusso per le strategie di Social Media Marketing. La comunicazione dell’attività con Scuderia Ferrari è un passo determinante in questa direzione, come testimoniato dai numeri di mercato e soprattutto dal riconoscimento di SDA Bocconi. Presentazione Marketing & Sales Challenge

XChannel alle Cerimonia di consegna dei Diplomi della XXII edizione del Master in Marketing e Comunicazione dell’Università Luigi Bocconi.

XChannel srl

Speech, Università Luigi Bocconi