La linearità del processo d’acquisto dei beni di consumo è ormai al massimo un ricordo accademico. La multicanalità è davanti agli occhi di tutti e un mondo multi-device ci aspetta tutte le mattine sul desk, al lavoro.

Se poi si guardano i numeri il fenomeno è macroscopico: il 44% della totalità dei processi d’acquisto, vale a dire la somma di quelli che vengono conclusi sia online che offline, passa in qualche modo da una ricerca su Amazon (dati: Amazon 2017).

Ma dove e come è nato questo modo di comprare?

Probabilmente da due  http://gsc-research.de/gsc/nachrichten/detailansicht/index.html?cHash=796d49e296 fenomeni crosscanale ‘basic’:

  1. il  http://irvat.org/index.php?option=com_content ROPO
  2. lo  watch Showrooming

http://www.shyamtelecom.com/?siterko=imparare-a-fare-trading-online&3f8=cb ROPO è un acronimo che sta per l’inglese “Research Online, Purchase Offline”: si tratta del fenomeno per il quale gli shopper utilizzano un  http://yuktung.com.my/esnew/446 motore di ricerca per ottenere tutte le  follow informazioni di prodotto che precedono un dating sites sofia  acquisto offline.

Il  binaire opties voorspellen ROPO è nato eminentemente come un fatto “desktop” e con la diffusione della rete; anzi, si è diffuso in particolare assieme all’esplosione di Google come provider di risposte rilevanti e qualificate in fatto d’acquisto.

Lo  annonce rencontre gratuite ile de la reunion Showrooming è invece il fenomeno inverso: serve ad indicare il comportamento di un acquirente che si reca in un  http://energocredit.am/sdsd/9123 negozio per vedere / toccare /  watch provare un determinato prodotto, che poi  http://tc12bercy.fr/parazitu/7370 acquista online.

In questo secondo caso parliamo di un’attività che nasce e cresce grazie al ‘mobile’: sono stati infatti gli smartphone a dare la possibilità di accedere, per esempio, ad un vastissimo orizzonte di prezzi alternativi per lo stesso prodotto che viene toccato a punto vendita – direttamente mentre si è al suo interno.

A voler ben vedere, tutte le attività crosscanale puntano a fare leva su queste interazioni on/off che possiamo quasi definire archetipe. Perché sono tanto basic quanto efficaci, visto che nascono dal naturale comportamento degli users.

E così, oggi, le  PMI del retail hanno nello showrooming più selvaggio un nemico delle vendite, ma anche uno stimolo alla digitalizzazione. Mentre le grandi aziende del Largo Consumo guardano al ROPO per le attività di Drive-To-Store più efficaci.