big data

Big Data

Forgiare campagne crosscanale efficaci, tracciarne il ROI, verificarne gli effetti commerciali: per farlo usiamo un approccio quantitativo, quello delle nostre dashboards, basate sui big data.

Integriamo sempre i dati numerici con i nostri insight qualitativi: per gestire gli effetti di senso delle nostre attività, usiamo la semiotica; per ascoltarne il target, la netnografia.
.

semiotica

Semiotica

La semiotica studia i fenomeni di significazione. Per significazione s’intende la relazione tra qualcosa di presente e qualcos’altro di assente. Ogni campagna di comunicazione attiva relazioni di questo tipo.

Le progettiamo e le analizziamo con un approccio sociosemiotico generativo: i testi si generano seguendo un percorso coerente, e si leggono all’interno di uno specifico contesto socio-culturale.

netnografia

Netnografia

L’approccio netnografico dischiude l’immaginario degli utenti: serve a leggere pensieri e sentimenti di uno specifico target, ricercandoli nell’osservazione delle interazioni online.

La netnografia indaga il contesto socio-culturale in cui sono immersi i consumatori, le storie che ascoltano e quelle che raccontano, le loro emozioni e i loro sogni. Per aiutare i brand a realizzarli.

Big Data

Forgiare campagne crosscanale efficaci, tracciarne il ROI, verificarne gli effetti commerciali: per farlo usiamo un approccio quantitativo, quello delle nostre dashboards, basate sui big data.

Integriamo sempre i dati numerici con i nostri insight qualitativi: per gestire gli effetti di senso delle nostre attività, usiamo la semiotica; per ascoltarne il target, la netnografia.

Semiotica

La semiotica studia i fenomeni di significazione. Per significazione s’intende la relazione tra qualcosa di presente e qualcos’altro di assente. Ogni campagna di comunicazione attiva relazioni di questo tipo.

Le progettiamo e le analizziamo con un approccio sociosemiotico generativo: i testi si generano seguendo un percorso coerente, e si leggono all’interno di uno specifico contesto socio-culturale.

Netnografia

L’approccio netnografico dischiude l’immaginario degli utenti: serve a leggere pensieri e sentimenti di uno specifico target, ricercandoli nell’osservazione delle interazioni online.

La netnografia indaga il contesto socio-culturale in cui sono immersi i consumatori, le storie che ascoltano e quelle che raccontano, le loro emozioni e i loro sogni. Per aiutare i brand a realizzarli.


 

Semiotica e User Experience: un’introduzione

Semiotica e User Experience: un’introduzione

La progettazione degli spazi digitali è diventata un’attività talmente estesa da poter essere sia condotta che interpretata seguendo approcci opposti: volendo semplificare, si tratta di un campo appannaggio tanto dei metodi quantitativi (ad esempio,...

leggi tutto
Gli hashtag? Più sentiment(i), meno traffico

Gli hashtag? Più sentiment(i), meno traffico

Gli hashtag ricorrono ovunque. Ormai anche offline. Sono anzi così ricorrenti, online, che la mia timeline di Facebook è piena di hashtag. Di più: in molti post leggo solo parole con il ‘#’. Non c’è un vero testo, ma solo cancelletti, in fila. Forse è un...

leggi tutto
Storytelling, da dove partire: lo story-making

Storytelling, da dove partire: lo story-making

«Ci sono tante brand stories, ma molte non funzionano» spiega Luca Visconti, professore di marketing e luxury management della più antica business school del mondo, ESCP Europe. In che senso non funzionano, professore, e perché? Almeno per tre motivi distinti: Non...

leggi tutto
Da zero a cantastorie: introduzione allo storytelling

Da zero a cantastorie: introduzione allo storytelling

Lo storytelling, cioè l’arte di narrare con il fine di promuovere prodotti e posizionare brand, non è certo una disciplina appena nata. Ha, anzi, radici profonde, che affondano quanto meno nella retorica greca. Solo un esempio. Aristotele definisce la retorica come...

leggi tutto